Ventilatori industriali cosa sono e a cosa servono
26/06/2020 By Francesco Brici Non attivi

Ventilatori industriali: cosa sono e a cosa servono

I ventilatori industriali sono degli strumenti utilizzati in numerosi campi come ad esempio quello navale, metallurgico oppure alimentare che possono avere diverse funzioni tra le quali l’aspirazione di polveri, gas o altri materiali e il trasporto di aria pulita.

Tali strumenti sono necessari in determinate aziende ed è per tale ragione che è necessario scegliere quelli più adatti alle proprie esigenze. I ventilatori industriali sono caratterizzati da particolari pale che vengono attivate mediante un motore. Esse possono avere una velocità che varia a seconda del tipo di applicazione.

Generalmente esistono due tipologie principali di ventilatori industriali ovvero quelli assiali e quelli centrifughi. I primi sono composti da ventole a elica che consentono di spostare un grande flusso di aria a pressioni piuttosto basse. Mediante un sistema elettronico l’aria riesce a entrare favorendo il raffreddamento di ventilazioni di un edificio. Di solito le ventole dei ventilatori assiali possiedono un diametro che non supera i nove metri ma in alcuni casi si può addirittura arrivare ai venticinque metri.

Questi ventilatori inoltre vengono utilizzati dove serve un grande volume del flusso di aria: essi possono essere a corpo corto e piastra oppure a carcassa lunga. Nel primo caso hanno un’alta efficienza mentre i secondi si possono trovare facilmente sul mercato in varie tipologie.

Ventilatori industriali: quali sono quelli centrifughi

Un’altra tipologia molto diffusa al giorno d’oggi è senza dubbio quella dei ventilatori industriali centrifughi. Essi prendono il nome proprio dal fatto che adoperano la forza centrifuga che viene creata da un disco rotante. A quest’ultimo poi sono montate delle pale ad angolo retto in modo tale da aumentare la pressione dell’aria oppure del gas.

Questi ventilatori industriali (sui sito di Ventilazione Sicura trovi ulteriori approfondimenti) di solito possono essere di due tipi principali: a pale avanti oppure curvi in avanti. È bene ricordare inoltre che esiste un’altra categoria di ventilatori centrifughi ovvero quella a pale rovesce. Essi sono caratterizzati da un numero minore di lame in cui la potenza e la velocità coincidono. Inoltre tale tipologia di ventilatore ha bisogno di più velocità per creare la pressione rispetto invece ai ventilatori centrifughi a pale avanti che hanno le stesse dimensioni.

Perché scegliere un ventilatore industriale

Scegliere un ventilatore industriale oggigiorno non è semplice dal momento che si tratta di un apparecchio estremamente importante all’interno di un’azienda. Grazie ad esso infatti è possibile evitare di interrompere la produzione e di lavorare in modo efficiente.

Quando aumenta la pressione infatti può capitare che le macchine si interrompano senza più lavorare rendendo necessaria la chiusura della produzione per diverso tempo. Per evitare ciò dunque è opportuno acquistare dei ventilatori industriali che siano innanzitutto di buona qualità, realizzati con materiali eccellenti e che durino a lungo nel tempo.

Il requisito principale affinché ciò avvenga è senza dubbio la possibilità di funzionare tutto il giorno e tutti i giorni senza interrompersi mai in modo tale da non causare danni alla produzione e quindi all’azienda. Un altro fattore importante che non bisogna dimenticare è la manutenzione: i ventilatori infatti non devono essere troppo complicati da sistemare.